Sigarette Smetterecolfumo.com
Informazioni su come smettere di fumare e principali danni del fumo.
Divieto di fumo

Smetterecolfumo.com

Smettere di fumare

Dipendenza

Nicotina

Il fumo di tabacco

Donne in stato di gravidanza

Contatti

 





Pianta di tabacco


Fumo di tabacco

Il problema non e' solo la nicotina in quanto tale, ma il suo veicolo cioe' il tabacco. I danni del fumo di tabacco sono noti da almeno 500 anni. Da allora si sono fatti molti passi indietro e le critiche sulla nocivita' del fumo sono state attribuite ad una visione moralistica della vita che si opponeva a piaceri considerati innocui. Oggi nessuno, ad eccezione di quelli che ignorano totalmente le evidenze scientifiche, gli industriali del tabacco ed i fumatori incalliti, puo' avere dei dubbi sull'enorme nocivita' del fumo. Il che non e' la stessa cosa della nocivita' della nicotina.
I pericoli della nicotina e quelli del tabacco sono due cose distinte. La nicotina e' forse l'unico composto dotato di proprieta' gratificanti tra i 4000 componenti del fumo di sigaretta, che invece, brucia sostanze tossiche non gratificanti ma farmacologicamente molto attive.
Alcuni dei composti che costituiscono il catrame, e soprattutto i prodotti di combustione sono i veri responsabili di varie forme di cancro, principalmente di quello polmonare. Mentre tra i composti attivi del fumo, sia il monossido di carbonio che la nicotina hanno un ruolo importante nel determinare le malattie cardiovascolari. La nicotina ha infatti un'azione diretta sui recettori colinergici e provoca una cascata di azioni farmacologiche, legate alla liberazione di catecolamine (adrenalina, noradrenalina e dopamina). E' noto come un'azione eccessiva e persistente delle catecolamine, come avviene nei casi di stress e nelle malattie delle ghiandole surrenali puo' causare gravi irreparabili cardiovascolari (aterosclerosi e patologie a carco del muscolo cardiaco). Il ruolo della nicotina come tale (cioe' come composto puro) nella genesi delle forme tumorali e' molto piu' dubbio.
Nell'uomo le azioni della nicotina si manifestano come alterazioni della fisiologia del sistema nervoso, sia centrale che periferico. La nicotina e' in grado di modificare la trasmissione degli impulsi nervosi attraverso una specifica azione sui gangli del sistema nervoso simpatico.
Studi successivi hanno rivelato che a concentrazioni basse la trasmissione nervosa e' stimolata, mentre concentrazioni piu' elevate bloccano la trasmissione nervosa gangliare. Questo lo sappiamo da quasi 100 anni.
Oggi, la distribuzione ed il metabolismo della nicotina nel cervello possono essere seguiti mediante PET (positron emission tomography). La nicotina e' capace di produrre diversi effetti attribuibili alla sua azione sul cervello. Sono molto frequenti, la prima volta, sensazioni soggettive di vertigine e di capogiro, talvolta anche sindromi vertiginose vere e proprie.